“The Guitar and Fortepiano in the Age of Beethoven” – Da Vinci Classics

by | 4,Dec,20 | news

L’etichetta discografica Da Vinci Classics edita un nuovo CD dal titolo “The Guitar and Fortepiano in the Age of Beethoven”, musica da camera di Beethoven, Weber, Diabelli, Giuliani, Hummel, eseguito da Duo Colone (Angelo Colone alla chitarra) e Polimanti (Enrico Maria Polimanti al fortepiano). La produzione tecnica è stata curata da Giovanni Caruso e da Maurizio Paciariello e il fortepiano usato per l’esecuzione è una copia di un J. Brodmann (Vienna 1805) realizzata da Ugo Casiglia nel 2019. 

The Guitar and Fortepiano in the Age of Beethoven inquadra il contesto storico del percorso musicale che offre, aiutandoci a notare un potenziale problema nella nostra prospettiva. Per noi, la città di Vienna tra il XVIII e il XIX secolo era, dal punto di vista musicale, la Vienna di Beethoven, ma non lo era per la cultura musicale del suo tempo. Beethoven era il figlio più illustre, ma non il tipico dei suoi giorni. Il merito di Beethoven è stato quello di aver spinto oltre i confini la sua musica, aprendo nuove strade per la generazione romantica. Ha esplorato nuovi timbri, forme, tecniche e tonalità in un modo unico ed estremamente personale, lasciando il segno del suo stile e della sua personalità nei decenni successivi. È probabile che, proprio in virtù di questa innovazione, la musica di Beethoven fosse fuori dalla portata dell’amatore medio e, di conseguenza, poco considerata in un momento in cui la borghesia europea si stava innamorando della produzione musicale domestica. 

Solo i primi decenni del XIX secolo videro l’emergere di un nuovo concetto di cultura e di educazione musicale che non si limitava al raggiungimento di abilità pratiche, ma si sviluppava in uno specifico quadro e obiettivo di vita. La cultura divenne uno status symbol e la Germania si identificò come la “nazione della cultura”. Il pianoforte divenne l’incarnazione musicale di quella visione. 

All’interno dell’album notiamo la compresenza di due strumenti musicali complementari, diversi ed integrati che esprimono pensieri musicali simili attraverso differenti gesti musicali divenendo simbolo di una società musicale dove geni e grandi artisti hanno lavorato fianco a fianco e dove l’amore per la musica ha contribuito alla formazione artistica di un’intera città. 

La chitarra, meno onnipresente del pianoforte, era ancora uno strumento apprezzato dagli amanti della musica. L’abbinamento di questi due strumenti era piuttosto raro e di conseguenza il repertorio era di portata limitata, ma nonostante ciò, il pubblico di oggi ascolta queste opere con lo stesso piacere provato dai loro primi interpreti. Sia il pianoforte che la chitarra si sono evoluti nel corso del tempo, ma i cambiamenti nella struttura del pianoforte sono stati molto più radicali che in quella della chitarra. Sia in termini di volume che di suono, queste opere – scrive nelle note di copertina Chiara Bertoglio –  sono rappresentate al meglio nella loro versione originale. Per quanto riguarda la dinamica – continua Bertoglio – la gamma del fortepiano è molto più ristretta, ma anche molto più sottile di quella del pianoforte moderno; possiede delicate gradazioni di sonorità che si adattano perfettamente a quelle della chitarra, mentre per quanto concerne il fortepiano, esso ha meno risonanza e una ridotta possibilità di sostenere il suono rispetto alla controparte moderna; anche qui l’equilibrio tra l’articolazione del fortepiano e le corde della chitarra è ideale. Queste qualità sono state sfruttate dai musicisti le cui opere sono registrate qui. Si riconosce la grandezza nel pezzo dell’italiano Mauro Giuliani, la cui carriera raggiunse l’apice a Vienna intorno al 1806, della personalità eclettica del compositore Anton Diabelli e dei compositori Hummel e Weber. 

Per quanto concerne gli esecutori, Enrico Maria Polimanti si diverte a suonare una vasta gamma di repertorio solistico e cameristico che va da Lodovico Giustini a Caroline Shaw; si è esibito in tutta Europa e negli Stati Uniti e ha lavorato con Adrian McDonnel, James Lockhart, Massimo Pradella, Flavio Emilio Scogna, Trio Ludwig, Monesis Ensemble, Francesco Dillon, Andrea Noferini, Giulio Plotino, Claudio Cavalletti, Luciano Giuliani, Mark Kroll, Costantino Mastroprimiano, Marcello Nardis, Lydia Easley, Anna Clementi, Ermanno Veglianti, Sandro Cappelletto. 

Ha registrato con successo di critica (Fanfare, Fono Forum, American Record Guide, Klavier.de, Musica) per le etichette Naxos, Brilliant Classics e Tactus e le sue esibizioni sono state registrate e trasmesse in Italia (Radio Tre, Radio Vaticana, Radio Classica, Radio Cemat), Francia, Inghilterra, USA, Svizzera, Germania, Nuova Zelanda, Romania e Austria. Enrico è il primo musicista italiano ad aver pubblicato una registrazione su Exit Live.

Profondamente impegnato nella diffusione della cultura musicale, Enrico Maria Polimanti è regolarmente invitato a tenere conferenze-recital in scuole pubbliche, università e istituzioni musicali come Università di Roma “Sapienza”, Università di Torino, Università di Macerata, Federazione Italiana Musicoterapia, Conservatorio di Santa Cecilia e Conservatorio Pergolesi di Fermo. Ha inoltre partecipato a Law and the Humanities, ciclo di convegni internazionali organizzati presso l’Università degli Studi “Roma Tre”, con lezioni-concerto di musica e interpretazione del diritto.

Ha curato e tradotto in italiano le Sonate per pianoforte di Beethoven di Charles Rosen e Robert Schumann di John Daverio e ha tradotto Chopin vu par ses élèves di Jean-Jacques Eigeldinger. 

Enrico Maria Polimanti ha studiato al Conservatorio di Santa Cecilia con Carla Giudici e, in qualità di beneficiario della Foundation Scholarship, al Royal College of Music di Londra sotto la guida di Yonty Solomon. Ha inoltre partecipato a masterclass tenute da András Schiff, Dietrich Fischer-Dieskau, Irwin Gage, Trio di Trieste, Andrea Coen, Steven Isserlis, Riccardo Brengola, Giuseppe Scotese, Kenneth Gilbert.

Angelo Colone è considerato interprete del più significativo repertorio per chitarra dei principali compositori italiani contemporanei, solista apprezzato dalle maggiori istituzioni musicali internazionali. Si è diplomato e perfezionato con Alirio e Senio Diaz, Bruno Battisti D’Amario e Angelo Gilardino; è stato invitato a suonare per istituzioni culturali come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la Casa di Goethe a Roma, l’Accademia Chigiana di Siena, il Festival Trame Sonore a Mantova. Angelo si esibisce dalla fine degli anni ’80 nei teatri e nelle camere italiane di Roma, tra cui il Teatro Eliseo, il Teatro Olimpico, l’Auditorium Parco della Musica, il Teatro Regio di Parma, il Teatro Metropolitan di Catania, il Salone Magliabechiano nel Uffizi e Sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi, Firenze.

All’estero è stato invitato da istituzioni culturali internazionali in Cina, Olanda, Svizzera, Malta, Belgio.

Ha partecipato frequentemente a trasmissioni radiofoniche quali RAI, RAI International e Radio Vaticane. Inoltre ha partecipato come ospite ad eventi letterari in occasione della presentazione di nuove opere letterarie di autori come Sergio Zavoli e Luis Sepùlveda.

Durante la sua carriera concertistica Angelo ha preso parte a progetti di ricerca originali registrati in importanti CD, tra cui: “Sonetterra” con il Sestetto Moderno (1997), “Sintesi” (2002), “Angelo Angelo” (2004) contenente la prima registrazione assoluta del concerto per chitarra e orchestra Leçons de ténèbres, di Angelo Gilardino, “Goffredo Petrassi – Opere per chitarra” (2007), una monografia su Mario Castelnuovo-Tedesco per la collana “I Maestri della chitarra” per la rivista Seicorde (2008) realizzata in occasione del quarantesimo anniversario della scomparsa del compositore fiorentino e seguito da un ciclo di trasmissioni dirette da lui stesso curato per Radio Vaticana, “Angelo Colone Suona Angelo Gilardino” (2012) e l’ultima per Brilliant Classics “Federico Moreno Torroba , opere complete per chitarra sola ”.

Per quanto concerne i compositori, Ludwig van Beethoven: (Bonn, 17 dicembre 1770 – Vienna, 26 marzo 1827). Compositore tedesco. I suoi primi successi, come compositore e interprete, dimostrano che sta estendendo la tradizione classica viennese che aveva ereditato da Mozart e Haydn. Man mano che la sua afflizione personale, la sordità e l’incapacità di entrare in relazioni personali felici si profilava sempre più grande, iniziò a comporre uno stile di musicale sempre più individuale scrivendo, alla fine della sua vita, le sue opere più sublimi e profonde.  Dal suo successo nel combinare tradizione, esplorazione ed espressione personale, è diventato considerato la figura musicale dominante del 19 ° secolo e quasi nessun compositore significativo dal suo tempo è sfuggito alla sua influenza o non l’ha riconosciuto. Per il rispetto che le sue opere hanno imposto ai musicisti e la popolarità che hanno goduto tra un pubblico più ampio, Beethoven è probabilmente il compositore più ammirato nella storia della musica occidentale. 

-Anton Diabelli (Mattsee, 8 settembre 1781 – Vienna, 8 aprile 1858) è stato un compositore, pianista ed editore musicale austriaco. Ha studiato musica a Michaelbeuren e Salisburgo e nel 1800 è entrato nell’abbazia di Raitenhaslach. Dopo lo scioglimento dei monasteri bavaresi (1803) si recò a Vienna, dove insegnò pianoforte e chitarra, e presto divenne noto per i suoi arrangiamenti e composizioni (sei messe da lui pubblicate ad Augusta nel 1799); molte delle sue opere furono pubblicate a Vienna. Il suo lavoro come correttore di bozze per SA Steiner & Co. (come descritto nelle lettere di Beethoven) gli diede un crescente interesse per l’editoria musicale, e nella Wiener Zeitung (15 settembre 1817) pubblicizzò un abbonamento per alcune delle sue composizioni sacre, che erano apparire dalla sua casa editrice di recente costituzione nella Schultergasse. Volendo acquisire un porprio locale commerciale, Diabelli si mise in contetto con Pietro Cappi, che esercitava la professione di mercante d’arte autorizzato nella Spiegelgasse. La ditta Cappi & Diabelli fu fondata nel Kohlmarkt e pubblicizzata nella Wiener Zeitung (10 dicembre 1818). Da musicista esperto, Diabelli ha saputo rispondere alle mode musicali dell’epoca; e il legame che instaurò con Schubert stabilì la diffusa fama dell’azienda. Finanziato su commissione, pubblica le prime opere a stampa di Schubert. 

– Johann Nepomuk Hummel (Pressburg [ora Bratislava], 14 novembre 1778 – Weimar, 17 ottobre 1837) è stato un pianista austriaco, compositore, insegnante e direttore d’orchestra. Era considerato ai suoi tempi uno dei più grandi compositori d’Europa e forse il suo più grande pianista.

-Carl Maria Friedrich Ernst von Weber (Eutin, 18 novembre 1786 – Londra, 5 giugno 1826) è stato un compositore, direttore d’orchestra e pianista tedesco. Ha cercato di promuovere, attraverso le sue opere, parole e sforzi come esecutore e direttore d’orchestra, l’arte, modellando il pubblico emergente della classe media al suo apprezzamento. Molto apprezzato dai suoi contemporanei, le sue aperture operistiche influenzarono lo sviluppo del poema sinfonico. Le sue esplorazioni di nuovi timbri e orchestrazioni arricchirono il panorama delle sonorità musicali. Con il successo travolgente della sua opera Der Freischütz nel 1821 divenne il principale esponente dell’opera tedesca negli anni ’20 dell’Ottocento e una celebrità internazionale. Una figura fondamentale del 19 ° secolo, ha influenzato compositori diversi come Marschner, Mendelssohn, Wagner, Meyerbeer, Berlioz e Liszt.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Calendario

April 2021
M T W T F S S
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Storico articoli

Share This